LE ORIGINI DI ANNIBALE

Annibale nacque all’interno di una grande famiglia cartaginese, le cui origini, pur non documentabili, erano certamente remotissime, almeno secondo fonti come Silio Italico o Appiano.

Tra gli ascendenti certi si conosce solo il padre, Amilcare, soprannominato ‘Barca’ (la Folgore), che darà in seguito il nome alla famiglia. Il primo progenitore sarebbe

però, secondo la tradizione, il mitico Belos, compagno di Didone in fuga da Tiro.

La notizia è, ovviamente, discussa. Dal fatto che una parte almeno dei possedimenti aviti si trovava in Byzacena, cioè nell’angolo sudest della costa tunisina attuale, qualcuno (Gilbert Charles-Picard) ha ipotizzato che gli antenati di Annibale, sopraggiunti con una seconda ondata migratoria, siano stati costretti a insediarsi in terreni lontani dalla città poiché la “chora” prossima al centro urbano era già occupata dai primi coloni.

I Barcidi erano dunque una nobiltà, per quanto antica, di seconda o terza generazione?

L’ipotesi resta, ovviamente, discutibile anch’essa, dato che non conosciamo a fondo lo stato patrimoniale della famiglia, ma è certo che, a causa dei suoi interessi in Byzacena,

Annibale ebbe più volte un ruolo importante nella regione: al punto che, al termine della sua guerra contro Roma, vi fece impiantare olivi (e alberi da frutto?) stipendiando a sue spese i veterani reduci.

(Giovanni Brizzi – “Annibale al Trasimeno” Indagine su una Battaglia – Lombardi Editore)

Il documentario “Annibale al Trasimeno” al quarto posto alla XXVIII Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico di Rovereto.

 

Il documentario “Annibale al Trasimeno” si è classificato al 4° posto alla 28a Rassegna internazionale del Cinema Archeologico, organizzata dalla Fondazione Museo Civico di Rovereto.

Le giurie e il pubblico hanno scelto i filmati che hanno ritenuto più spettacolari, più accattivanti, più coinvolgenti delle giornate che hanno caratterizzato la settimana del festival.

Un magnifico risultato considerato che le opere presentate, oltre 70, provenivano da tutto il mondo.

Il filmato documentario è visionabile presso il Museo di Annibale al Trasimeno prenotando la visione presso la segreteria o inviando una mail ad annibale.tuoro@gmail.com.